skip to Main Content

Passeggiata poetico-romanesca

Passeggiata Poetico-romanesca

Roma… Roma! Che letta all’incontrario
si te sai move nell’abecedario
te mette in bocca la parola “Amore”
ch’è in confidenza e abbraccicata ar còre

lo pò capì sortanto chi ce vive
e qui se gusta l’arbe e li tramonti,
er ponentino poi lo invita a scrive…
…’n amore co cui tocca fà li conti.

M’ha detto un tassinaro (…mi cuggino):
“Perché nun me fai in verzi ‘na stesura
su li stragneri ner Capitolino
che pìano er Taxi e vanno all’avventura?”

E che ce vò lo faccio volentieri,
pe Roma nostra piena de maggìa
ch’è da richiamo ar flusso de stragneri
e chi li porta (gran categoria!).

Er tassinaro è de fibbra robbusta!
Ne la capoccia cià tutta ‘na mappa
tu chiami: “Taxi!”, pe’ brucià la tappa,
poi trova lui la direzione giusta.

Se pò allargà a fatte da Cicerone,
o te servisse, a dattelo un ragguajo,
Roma pò èsse ‘n Eden o Priggione,
si te consija ascortalo nun sbajo.

Pe te poi, sceso mo da ‘n areoplano,
ma che me lo pòi dì, nun sei un turista,
vai solo a sentì messa ar Vaticano
a fine corza, ‘mbè, che Dio t’assista!

E ortre a San Pietro ‘ndo li pòi trovà?
Là! Ar Cento de Roma!
Turisti ar Colosseo, ar Campidojo,
a Campo de’ Fiori, a …Piazza Navona…

…e in quella Piazza si ciàrivi presto,
do ‘n sole timido d’entrà fa er gesto,
manni a fà fotte tutto quanto er resto!
È bella! Puro quanno è buio pèsto,

ma la matìna è nuda, riposata, sola, pulita,
basta ‘no sgurado e te se calamita
ché nun ce vòi lassa manco le impronte!
Je fai soriso de soddisfazione e la respiri forte.

Se riempie a sera e quanno l’acqua casca
che er cielo è scuro e fa la gnagnarella 1)
li vedi co ‘na mano ne la tasca
e l’antra appesa ar manico d’ombrella.

Ce senti già quell’aria natalizia
puro si piove da ‘na settimana
luci e colori fanno già notizia
ce so li banchi fino a la befana.

E nasce quell’umore festaiolo
che dice:”Annamo e spenni quarche sordo”,
ma compra solo chi esce cor faciolo 2)
chi nun ce l’ha fa foto pe ricordo.

E p’ allargasse, quasi de straforo
se pò comprà lo zucchero filato
ma le castagne no sò a peso d‟oro,
quanno c’è festa gnente è a bòn mercato.

Poi un carboncino move sopra un fojo
lo segna e fa impeccabile un ritratto:
“Me piace!” dici e appresso “Sì lo vojo!”
… poi penzi che er soggetto nun è adatto.

Però nun fa come tanti stragneri
che a la fermata che troveno prima
sarà chissà pe’ er fuso orario or clima
ciàno già pronti un par’ de desideri

da tirà inzieme a la moneta spiccia
cercanno de quajalli 3) in tempi brevi.
Perché a Nettuno er naso je s’ariccia! 4)
Stanno a sbajà co che? FONTAN’ de TREVI!

Stefano Ambrosi

  1. gnagnarella: pioggerellina fastidiosa
  2. faciolo: sinonimo di soldi, grana, denaro
  3. quajialli: realizzarli in fretta
  4. s’ariccia: come per dire che storce il naso infastidito

 

Lascia un commento

Back To Top
Cerca