skip to Main Content

Mambor Renato

Cliccanno sur piccì Mambor Renato
Te s’apre un ber mosaico de colori
Graditi all’occhio che s’è già infatuato/ infilato
In ogni quadro, senza fa rumori

Ce sta un respiro fonno misurato.
E le tonalità che tu arincori
Lui l’ha trovate già ce s’è calato
E poi sortito come li vapori

Benefici però, assolutamente
E co’ na fede che direbbe ceca
Te suggerisce: “ Guarda co’ la mente!”

Allora è come spalancà una teca
Scprì un tesoro e poi, dì: “Finarmente
Che c’è chi mette l’anima in Bacheca

Scenografo dipinge è ‘no scultore
L’arte pe lui è ‘na forma de linguaggio
Spericolato sperimentatore
Nun se po dì che manca de coraggio

Questo lo porta a dà sempre stupore
Puro quanno ar teatro fa er passaggio
Perché lì ‘nantra idea vole arincore
Co la fotografia cerca er fissaggio

Li meriti se vedeno so chiari/ so vari
Se riconosce l’arte in ogni tocco
Cor guizzo e l’estro veramente rari

perciò amicizia lunga e patti chiari
je li incartamo e je ce famo er fiocco
ché li giudizzi nun saranno avari.

 

Lascia un commento

Back To Top
Cerca