skip to Main Content

Trilussa in piazza

Trilussa In Piazza

A chi ce passa sappia: vedo e sento
però stò zitto senza fà ‘n commento.

’Sta piazza, a nome mio, ce l’ho pe via
d’avé vissuto a verzo e sintimento…
e peddeppiù nun dico ’na bucia:
me ciànno fatto er busto a monumento.

Da un muro de mattoni, a fà ornamento,
resto affacciato su ’na baraonna
che chiameno movida, un ber tormento.
Lei s’aggita se increspa come un onna.

Poi all’arba se disperde moribonna.
Resto da solo drento ’sto giardino,
ma come un trave sopra ‘na colonna
reggo la luce nòva der mattino.

“…poi me la canto e seguito er cammino”
Vorrebbi ancora riccontà la mia
ma puro uperta ar tempo scortichino
’sta mano dice:”FINE”, e così sia,

a la maggìa der verzo sopraffino
volato in celo come un palloncino

Stefano Ambrosi

 

Lascia un commento

Back To Top
Cerca